top of page
Logo Nocciolario
hazelnut-leaf-4100497 (2)_edited_edited.jpg

H304, H336, H410, P102, P261, P270, P273, P280, P301+P310, P331, P391, P401, P501, EUH066, EUH401

TIRIO

Erbicida

Registrazione

Reg. N. 18519 del 09/01/2024

Confezioni autorizzate

Titolare Aut. Min.

INDUSTRIAS AFRASA S.A.

Scadenza

31 dicembre 2024

  Scade fra 222 giorni  

Distribuito da

Attualmente non distribuito

0,050-0,100-0,200-0,250-0,300-0,400-0,500-1-2-3-4-5-10-20 Litri

Chiedi

NocciolAI

Porre domande riguardanti TIRIO

Funzionalità sperimentale
Risposta generata con OpenAI

!

Avvertenze

Add paragraph text. Click “Edit Text” to customize this theme across your site. You can update and reuse text themes.

Ecco la risposta alla sua domanda riguardante TIRIO:
pexels-amanda-george-2978800 (1)_edited_edited.jpg

Documentazione

WEATHER CHECK

<text>

<ora>

<text>
<text>
<text>
<text>
i
i
<text>

<ora>

<text>
<text>
<text>
<text>
i
i

Dati meteorologici forniti da

openweathermap.org/

Pioggia

RAIN CHECK

<mm>
Dall'inizio dell'anno sono caduti
mm di precipitazioni

Dati meteorologici da open-meteo.com 

<testo>
<testo>
<testo>
<testo>

Meccanismo d'azione

HRAC E

Concentrazione principio attivo puro

22% Emulsione concentrata (EC)

Carenza

non indicata.

Avversità

Erbe infestanti

Modalità d'impiego

è un diserbante che agisce essenzialmente per contatto venendo assorbito localmente dalle foglie e dai germinelli e poco dalle radici; è efficace contro le seguenti infestanti: Coda di topo (Alopecurus spp.), Fienarola annua (Poa annua), Zizzania (Lolium temulentum), Borsa del pastore (Capsella bursa pastoris), Camomilla (Matricaria spp.), Centocchio (Stellaria spp.), Papavero (Papaver spp.), Peverina (Cerastium spp.), Ranuncolo (Ranunculus spp.), Veccia (Vicia app.), Vilucchio comune (Convolvolus arvensis), Vilucchio bianco (Calystegia sepium), Acetosella (Oxalis spp). Modalità di applicazione: in tutte le colture il prodotto deve essere impiegato solo con applicazioni in bande lungo la fila nel periodo compreso tra l’ultima decade di settembre e la prima decade di maggio. Impiegare esclusivamente in bande sottochioma lungo i filari (non trattare l’area tra le file). L’area delle bande trattate non deve superare il 30% della superficie totale, trattare durante la fase di dormienza della coltura, dall’autunno all’inizio della primavera. a) Pre-emergenza delle infestanti: il prodotto va impiegato preferibilmente nel tardo autunno-inizio inverno o a fine inverno su terreno lavorato, privo di infestanti emerse alla dose di 2 L/ha di superficie effettivamente trattata. b) Post-emergenza delle infestanti: DIPIRIL deve essere impiegato alla dose di 2 L/ha di superficie effettivamente trattata in miscela con erbicidi ad attività fogliare (dipiridilici, ecc.). c) Post-emergenza su graminacee perenni: in presenza di Cynodon spp., Agropyron spp., Agrostis spp., Bromus spp., utilizzare alla dose di 2 L/ha di superficie effettivamente trattata in miscela con graminicidi specifici. Intervenire su infestanti sufficientemente sviluppate ed in fase di attiva crescita. La dose di impiego di 2 L/ha di superficie effettivamente trattata corrisponde a 600 ml di prodotto per ettaro (meno 150 g di sostanza attiva ad ettaro). Su tutte le colture effettuare massimo un trattamento per anno.

Compatibilità

compatibile con preparati a base di glifosate. In caso di miscela con altri formulati deve essere rispettato il periodo di carenza più lungo. Devono inoltre essere osservate le norme precauzionali prescritte per i prodotti più tossici. Qualora si verificassero casi di intossicazione informare il medico della miscelazione compiuta.

Informazioni mediche

Sintomi; irritante per cute e mucose fino all'ulcerazione delle mucose oro-faringeaed esofagea; irritante oculare, miosi. Nausea, vomito, cefalea, ipertermia, sudorazione, dolori addominali, diarrea. Danni al SNC: vertigini, atassia, iporeflessia, nevriti e neuropatie periferiche, parestesie, paralisi, tremori, convulsioni. Ipotensione arteriosa, tachicardia e vasodilatazione, alterazioni ECG. Muscoli: dolenzia, rigidità, fascicolazione: gli spasmi muscolari in genere precedono di poco la morte. Exitus per collasso vascolare periferico. Terapia sintomatica: Ospedalizzare. Controindicazioni: non provocare il vomito. Avvertenza: consultare un centro antiveleni.

Meccanismo d'azione

Concentrazione principio attivo puro

Concentrazione principioattivo puro

pexels-pixabay-531428 (1).jpg

DOSAGGIO

Qtà minima per ha

Qtà massima per ha

<unit>

<unit>

Diluizione massima

<unit>

Diluizione minima

<unit>

Volume d'acqua tipico

<unit>

Dimensioni appezzamento in ettari

<result>

<result>

Confezioni necessarie

<# confezioni da>

<##### ##>

Confezioni necessarie

Confezioni necessarie

Confezioni necessarie

Confezioni necessarie

<result>

Range consentito di trattamenti annuali

Range consentito di trattamenti annuali

Confezioni commercializzate

bottom of page