top of page
Logo Nocciolario
hazelnut-leaf-4100497 (2)_edited_edited.jpg

H318, H410, EUH401, P273, P280, P305+P351+PP338, P310, P391, P501

EFFIELD SC

Erbicida

Registrazione

Reg. N. 17441 del 18/07/2019

Confezioni autorizzate

Titolare Aut. Min.

ASCENZA AGRO S.A.

Scadenza

30 dicembre 2024

  Scade fra 220 giorni  

Distribuito da

SUMITOMO CHEMICAL ITALIA S.r.l.

1-5-10-20 Litri

Chiedi

NocciolAI

Porre domande riguardanti EFFIELD SC

Funzionalità sperimentale
Risposta generata con OpenAI

!

Avvertenze

Add paragraph text. Click “Edit Text” to customize this theme across your site. You can update and reuse text themes.

Ecco la risposta alla sua domanda riguardante EFFIELD SC:
pexels-amanda-george-2978800 (1)_edited_edited.jpg

Documentazione

WEATHER CHECK

<text>

<ora>

<text>
<text>
<text>
<text>
i
i
<text>

<ora>

<text>
<text>
<text>
<text>
i
i

Dati meteorologici forniti da

openweathermap.org/

Pioggia

RAIN CHECK

<mm>
Dall'inizio dell'anno sono caduti
mm di precipitazioni

Dati meteorologici da open-meteo.com 

<testo>
<testo>
<testo>
<testo>

Meccanismo d'azione

HRAC E

Concentrazione principio attivo puro

42,9% Emulsione Concentrata (EC)

Carenza

Non indicata

Avversità

Erbe infestanti

Modalità d'impiego

Erbicida selettivo per applicazioni di pre e post emergenza, attivo per contatto, il prodotto agisce su tessuti giovani nei confronti sia della vegetazione presente al momento del trattamento sia delle plantule che emergono successivamente bucando il film formato dall’erbicida sul terreno. Principali infestanti sensibili: Monocotiledoni annuali: Digitaria (Digitaria sanguinalis), Orzo (Hordeum vulgare), Panico (Panicum dichotomiflorum), Coda di topo (Alopecurus spp.), Setaria (Setaria spp.), Zizzania (Lolium temulentum). Dicotiledoni annuali: Amaranto (Amaranthus spp), Centocchio dei campi (Anagallis arvensis), Papavero (Papaver spp.), Poligoni: (Polygonum spp.), Senape (Sinapis arvensis) e Crucifere in genere, Datura (Datura stramonium), Porcellana (Portulaca oleracea), Betonica (Stachys annua). Dicotiledoni perenni (nei trattamenti di post emergenza): Acetosella (Oxalis spp.), Artemisia (Artemisia spp.), Malva (Malva spp.) Ortica (Urtica dioica), Romici (Rumex spp.), Stoppione (Cirsium arvense), Vilucchio (Convolvulus arvensis). Sulle dicotiledoni perenni il prodotto determina un effetto caustico ed un arresto di vegetazione. Nei confronti delle Dicotiledoni perenni è soprattutto utile in miscele con altri erbicidi di contatto o teletossici. Il prodotto deve essere impiegato solo con applicazioni in bande lungo la fila su massimo il 30% della superficie coltivata nel periodo compreso tra l’ultima decade di settembre e la prima decade di maggio. In pre-emergenza operare preferibilmente su terreno ben sminuzzato e livellato, privo di zolle, in assenza di infestanti o all’inizio della loro germinazione. In post-emergenza, bagnare uniformemente la vegetazione infestante evitando eccessivo sgocciolamento. Utilizzare preferibilmente ugelli a ventaglio, distribuendo 400-1000 l/ha di acqua in pre-emergenza e 200-500 litri di acqua in post-emergenza. Impiegare a partire dal 2° anno di età. Impiegare esclusivamente in bande sottochioma lungo i filari alle seguenti dosi: - pre-emergenza delle infestanti contro infestazioni composte prevalentemente da specie annuali. Dose di 0,9 l/Ha di superficie effettivamente trattata - post-emergenza delle infestanti: si può impiegare: 1) nel periodo autunno-invernale fino a 20 giorni prima del risveglio vegetativo su infestazioni composte prevalentemente da specie annuali, alte non più di 10-15 cm. Dose 0,9 l/ha di superficie effettivamente trattata; 2) nelle stesse epoche di impiego, ma su malerbe più sviluppate, comunque non oltre 20-30 cm, e per ottenere contemporaneamente un effetto spollonante, in miscela con erbicidi a base di Glufosinate, alla dose 0,5 - 0,9 l/ha di superficie effettivamente trattata in aggiunta a una dose di partner di cui sopra ad un quantitativo di 500-720 grammi di principio attivo per ha di superficie effettivamente trattata. 3) Sempre su infestanti alte fino a 30 cm, in miscela con erbicidi a base di Glifosate, di cui contribuisce a potenziare notevolmente l’efficacia, in modo particolare sulle infestanti dicotiledoni perennanti di più difficile controllo. Allo scopo si utilizza alla dose di 0,15-0,35 l/ha di superficie effettivamente trattata in aggiunta alla dose correntemente utilizzata dei partner sopraricordati. In caso di violente precipitazioni si possono determinare arrossamenti e ustioni su fogliame più basso, causate dagli schizzi delle particelle del terreno contenenti l‘erbicida, generalmente di nessuna conseguenza sullo sviluppo e la produttività delle piante. Per la minor violenza della precipitazione, tale effetto non è da attendersi in caso d’irrigazione artificiale, in particolare a goccia o sottochioma. In aggiunta all’effetto per contatto, determina un effetto erbicida residuale contro le successive germinazioni, la cui durata dipende dalla dose di impiego; a 0,9 l/ha di superficie effettivamente trattata è generalmente dell’ordine di 40-60 giorni. L’efficacia è immediatamente annullata dall’esecuzione di eventuali lavorazioni che interrompono la continuità del deposito erbicida sulla superficie del terreno.

Compatibilità

Compatibile con formulati a base di glifosate e glufosinate ammonio. In caso di miscela con altri formulati deve essere rispettato il periodo di carenza più lungo. Devono inoltre essere osservate le norme precauzionali prescritte per i prodotti più tossici. Qualora si verificassero casi di intossicazione informare il medico della miscelazione compiuta.

Informazioni mediche

Sintomi: irritante per cute e mucose fino all'ulcerazione delle mucose oro-faringea ed esofagea; irritante oculare, miosi. Nausea, vomito, cefalea, ipertemia, sudorazione, dolori addominali, diarrea. Danni al SNC: vertigini, atassia, iporeflessia, nevriti e neuropatie periferiche, parestesie, paralisi, tremori, convulsioni. Ipotensione arteriosa, tachicardia e
vasodilatazione, alterazioni ECG. Muscoli: dolenzia, rigidita', fascicolazione: gli spasmi muscolari in genere precedono di poco la morte. Exitus per collasso vascolare periferico. Terapia sintomatica. Ospedalizzare. Controindicazioni: non provocare il vomito. Avvertenza: consultare un Centro Antiveleni. In casi gravi o sospetti gravi ricovero urgente in centro di rianimazione.

Meccanismo d'azione

Concentrazione principio attivo puro

Concentrazione principioattivo puro

pexels-pixabay-531428 (1).jpg

DOSAGGIO

Qtà minima per ha

Qtà massima per ha

<unit>

<unit>

Diluizione massima

<unit>

Diluizione minima

<unit>

Volume d'acqua tipico

<unit>

Dimensioni appezzamento in ettari

<result>

<result>

Confezioni necessarie

<# confezioni da>

<##### ##>

Confezioni necessarie

Confezioni necessarie

Confezioni necessarie

Confezioni necessarie

<result>

Range consentito di trattamenti annuali

Range consentito di trattamenti annuali

Confezioni commercializzate

bottom of page